lunedì 17 ottobre 2022

CATERINA BOSETTI

TUTTO SU DI LEI

di Rachele Scoditti (fonte Gazzetta dello Sport)

Tra le azzurre di Davide Mazzanti impegnate ai Mondiali di volley femminile spicca sicuramente Caterina Bosetti, che dopo i quarti di finale contro la Cina e prima della sfida tra Serbia e Stati Uniti, era volata al primo posto nella classifica del servizio, superando con 16 aces la statunitense Andrea Drews. Ma andiamo a scoprire di più sulla schiacciatrice classe ‘94 di Busto Arsizio. È il 2007 quando Caterina Bosetti inizia a giocare nelle giovanili dell'Amatori Orago. Ci vogliono giusto un paio di anni prima che passi a Villa Cortese, in Serie A1 e vinca con la squadra lombarda due Coppe Italia. Poi, dopo aver pensato a lungo, la decisione di trasferirsi in Brasile per la stagione 2013-14, firmando per l'Osasco, militante nella Superliga Série A, e con cui vince sia il Campionato Paulista sia la coppa nazionale. Vive la sua prima esperienza all’estero con giocatrici straordinarie come Sheilla, Adenizia, Thaisa e Camila Brait. 

Ma l’amore per l’Italia è troppo forte e torna nella stagione 2015-16 per difendere i colori dell'AGIL di Novara, in Serie A1, dove gioca ancora oggi. Una carriera ricca di medaglie sia con la nazionale italiana Under-18, argento al campionato europeo 2011, sia con quella Under-19, oro al campionato europeo, dove viene premiata anche come miglior giocatrice. Con la nazionale Under-20 si aggiudica la medaglia d'oro al campionato mondiale 2011 e il premio come MVP. Nel 2011 finalmente le prime convocazioni nella nazionale maggiore, vincendo lo stesso anno la Coppa del Mondo. Nel 2017 arriva la medaglia d'argento al World Grand Prix e nel 2022 quella d'oro alla Volleyball Nations League. Di cosa si può parlare in casa Bosetti se non di pallavolo!? Caterina è figlia di Franca Bardelli, ex pallavolista con 93 presenze in Nazionale, e Giuseppe Bosetti, insegnante di educazione fisica ed ex CT dell’Italvolley. E come se non bastasse, anche le due sorelle di Caterina, Chiara e Lucia, non possono fare a meno di questo sport. Chiara grazie alla pallavolo ha potuto vivere cinque anni negli Stati Uniti durante gli studi all’American University of Washington, mentre Lucia è stata per anni una delle star del volley italiano. Non tutti, però, sono così sportivi! Il fratello Andrea è totalmente estraneo al mondo del volley. È un apicoltore e ha aperto la sua azienda ad Albizzate. Pensate che l’amore per le api e per la natura di Andrea è così forte che anche nel nome del gruppo Whatsapp di famiglia c’è l’emoji di un’ape! Come ogni atleta professionista, anche Caterina ha dovuto fare i conti con alcuni infortuni. Il più grave, quello del 2018, al ginocchio sinistro. “Sono ricoverata a Villa Stuart, dove subirò l’intervento al ginocchio sinistro che ho praticamente distrutto, tutto quello che potevo rompere l’ho rotto!", aveva scritto sui social Caterina in quell’occasione. Una determinazione fuori dal comune, i medici le avevano detto che con ogni probabilità non sarebbe tornata a giocare. Dopo l’intervento Caterina ha dovuto superare anche sette trombi al polpaccio e, sfortuna ha voluto, un chiodo sotto un piede calpestato il primo giorno senza stampelle. Fondamentale l’appoggio della famiglia grazie al quale Caterina si è rialzata ed è tornata più forte di prima. Nel 2021, ad agosto, un trauma al piede destro con la conseguente frattura dell’alluce che l’ha costretta a saltare l’Europeo. “Mi sembra un incubo. Speravo di scrivere un post diverso tra qualche settimana dopo l’Europeo e invece eccomi qui… con il cuore in mano e a pezzi” erano state le sue parole su Instagram. Durante la stagione, come ogni sportivo, Caterina segue un piano alimentare ben preciso. Il venerdì solitamente mangia qualcosa di consistente a casa, come una bella carbonara! Il sabato piatti super leggeri con pollo e insalata a pranzo e pesce bianco con verdure a cena. Se invece il venerdì ha scelto di rimanere più leggera, il sabato via col brunch! Il giorno della partita un piatto di pasta abbondante, perché evita la merenda per paura di non digerire bene e compromettere le prestazioni in campo. Pasta, pasta e ancora pasta. Il piatto preferito di Caterina, che mangerebbe in tutti i modi. Non ama la pizza e la carne rossa, ma adora il brunch con uova strapazzate, bacon e club sandwich. Caterina ha provato anche a mangiare insetti fritti. “Non erano male, anche se non li rimangerei” ha affermato la pallavolista. Di cosa non può fare assolutamente a meno? La maionese!

Post in evidenza

AMARCORD

JUVENTUS SUL TETTO DEL MONDO   Oggi 26 anni fa … campioni del mondo. Superato il RIVER PLATE con rete di Del Piero .