martedì 13 dicembre 2022

MERAVIGLIA AZZURRA

MONDIALI IN VASCA CORTA

di Stefano Arcobelli (fonte Gazzetta dello Sport)

I moschettieri azzurri sbancano l’Australia. Il grande sogno si avvera a Melbourne, ai Mondiali in vasca corta: oro e record mondiale anche per la 4x100 sl. Alessandro Miressi (46”15) cambia in testa, il deb Paolo Conte Bonin (45”93) tiene la testa in seconda frazione, ottimo anche Leonardo Deplano che con una frazione da 45”54 consolida il vantaggio a 2”, e tocca a Thomas Ceccon che s’invola (45”13) verso l’oro nobilitato dal record mondiale in 3’02”75 (e 25.000 dollari di premio). Dall’argento di Abu Dhabi col record italiano di 3’03”61 ad un sensazionale trionfo che polverizza il primato mondiale di 3’03”03 degli Usa di Hangzhou 2018. Gli azzurri battono l’Australia di Kyle Chalmers (non gli è bastato 44”98) in 3’04”63 (record Oceania) e gli Usa in 3’05”09. “Siamo stati fantastici, è il nostro primo record mondiale” dice Miressi per conto del gruppo coordinato da Claudio Rossetto.

LA GIOIA— E’ il 12° record mondiale per l’Italia in vasca da 25 metri. Un grande orgoglio averlo realizzato nella patria dello stile libero e contro le due grandi potenze mondiali. Aggiunge Miressi: “Un record del mondo che portiamo in saccoccia. Abbiamo fatto tutti e quattro un ottimo lavoro. Se devo essere critico lo sono con me stesso, non ho gareggiato bene. Ma lasciamo stare, c’è un record del mondo...”. Il “rookie” Conte Bonin: “Pensavo di fare decisamente meno di stamattina (45”68, ndr), forse ho spinto un po’ troppo nelle batterie. Però quello che avevamo in mente di fare l’abbiamo fatto. Per cui bene...”. E Ceccon: “Bene, è il mio secondo record del mondo. È una staffetta a cui mancava il quarto, senza Lorenzo Zazzeri, che probabilmente ci starà guardando. Abbiamo trovato una matricola che ha dato un fantastico contributo a questa staffetta”. Infine Deplano: “Sono molto contento. La voce con questo tempo mi è andata via. Mi sono ammalato da quando sono qui però sono contentissimo del tempo, sapevamo di poter andare forte. Stamattina ho fatto 46”1 molto agile, sono arrivato senza fiatone, con molte energie. Sapevo che avrei potuto fare bene. Così è stato”. Dedicato anche a Manuel Frigo che aveva contribuito in batteria.

 

Post in evidenza

SHIFFRIN AD UN PASSO DA STENMARK

VITTORIA NUMERO 85 Tutti dietro a Mikaela Shiffrin: dopo la doppietta nei giganti di Plan de Corones la statunitense domina anche lo slalom ...