mercoledì 9 febbraio 2022

MAGNESIO

UTILE PER COMBATTERE IL CANCRO E COMBATTERE IL SISTEMA IMMUNITARIO

di Maria Elena Perrero (fonte Gazzetta dello Sport)

Magnesio utile non solo per il buon funzionamento di muscoli e sistema nervoso, ma anche per combattere il cancro. Secondo uno studio condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università di Basilea, in Svizzera, e pubblicato su Cell, avere un buon livello di magnesio nel sangue aiuta il sistema immunitario a combattere contro patogeni e cellule tumorali. Questo accade perché i linfociti T, globuli bianchi (o leucociti) con un ruolo fondamentale nella risposta immunitaria, hanno bisogno di sufficienti quantità di magnesio per essere efficienti ed aggredire le cellule tumorali, ma anche le cellule infettate da virus.

LE PROPRIETÀ DEL MAGNESIO E GLI ALIMENTI CHE NE SONO RICCHI

Il magnesio è uno dei sali minerali più presenti nel nostro organismo. E’ concentrato in prevalenza nelle ossa e nei tessuti molli (come i muscoli e le cartilagini), mentre solo l’1% circa si trova nel sangue. Il magnesio è alla base di molte reazioni cellulari, del buon funzionamento muscolare e neurologico, del controllo dei livelli di glicemia nel sangue e della pressione sanguigna. Inoltre è utile contro i crampi muscolari e i dolori mestruali. Diversi gli alimenti ricchi di magnesio: lo troviamo infatti nei vegetali a foglia verde, nella frutta secca e nei semi oleaginosi, nei legumi e nei cereali integrali.

CARENZA DI MAGNESIO: I RISCHI —Stati di carenza di magnesio sono piuttosto rari ma sono collegati ad importanti malattie, come infezioni e tumori. Già studi precedenti condotti su topi avevano mostrato che i tumori si diffondono più rapidamente negli animali che hanno una dieta povera di magnesio, e di pari passo si indeboliscono le difese contro i virus influenzali. Tuttavia ad oggi non sono stati fatti molti studi su come esattamente il magnesio agisca a livello del sistema immunitario.

MAGNESIO E CANCRO: LO STUDIO SVIZZERO —I ricercatori dell’Università di Basilea, guidati dal professor Christoph Hess, hanno scoperto che i linfociti T possono eliminare le cellule infette in modo efficiente solo in un ambiente ricco di magnesio. In particolare il magnesio è cruciale nel funzionamento degli LFA-1, proteine presenti sulla superficie dei linfociti e di altri leucociti.

Gli LFA-1 hanno un ruolo chiave nell’attivazione dei linfociti T citotossici, che si agganciano alle cellule tumorali e le distruggono. Ed è qui che il magnesio entra in gioco. “Se il magnesio è presente in quantità sufficienti in prossimità dei linfociti T, si lega all’LFA-1 e ne assicura la presenza e l’attivazione”, ha spiegato il professor Hess. In caso contrario questo processo può venire meno.

MAGNESIO E IMMUNOTERAPIA —Il fatto che il magnesio sia essenziale per il corretto funzionamento dei linfociti T può avere importanti risvolti anche nell’immunoterapie contro il cancro. Questa terapia, infatti, mira ad attivare il sistema immunitario, in particolare i linfociti T citotossici, che distruggono le cellule tumorali. Nello studio svizzero i ricercatori hanno mostrato che la risposta immunitaria dei linfociti T contro le cellule tumorali era rinforzata da un aumento della concentrazione di magnesio, mentre studi condotti in precedenza su malati di cancro avevano mostrato che l’immunoterapia era meno efficace se i pazienti avevano livelli insufficienti di magnesio nel sangue.

 

Post in evidenza

CALCIO FEMMINILE

LA JUVENTUS SI AGGIUDICA ANCHE LA COPPA ITALIA BATTENDO LA ROMA Le Juventus Women vincono la Coppa Italia Femminile grazie ad una splendida ...