lunedì 30 maggio 2022

BASKET NBA

BOSTON DOMA MIAMI IN GARA 7. SARA' FINALE CONTRO GOLDEN STATE

di Davide Chinellato (fonte Gazzetta dello Sport)

Quel muro era alto 12 anni. E tante delusioni. Boston l’ha superato nel modo più difficile, vincendo gara-7 a Miami dopo aver mancato il primo match point in casa. E adesso è alle Finals, a giocare per il titolo per la prima volta dal 2010. “Finalmente” dice con un sospiro di sollievo Marcus Smart, uno degli eroi di questa squadra, di questa vittoria. E’ il veterano di un gruppo che a gennaio sembrava da buttare, e che da giovedì contenderà il Larry O’Brien Trophy ai Golden State Warriors. L’ultimo atto delle finali a Est è stato degno di una serie equilibrata, tra due squadre ammaccate che condividono gli stessi punti di forza: difesa e gruppo. Boston ha vinto 100-96, davanti dall’inizio alla fine ma quasi buttando 13 punti di vantaggio. Ha vinto grazie a Jayson Tatum, mvp della serie nel nome di Larry Bird (a cui è dedicato il nuovo trofeo di migliore della finale a Est) e di Kobe Bryant, l’idolo che l’ha ispirato. Miami si arrende nonostante i 35 punti di Jimmy Butler, in campo per tutta la partita e per l’errore sul tiro che, a 16” dalla fine, poteva cambiare tutto. “Lo rifarei di nuovo” dice lui, assolto anche da coach e compagni.

RE DELL’EST—I campioni dell’Est sono una squadra da battaglia. “Tutto quello che abbiamo passato quest’anno ci ha permesso di arrivare fino a qui - racconta Smart -. Questo per noi è un risultato enorme: abbiamo vinto una gara-7 in trasferta perché siamo cresciuti come squadra”. Sembra passata un’eternità da gennaio, da quando i Celtics hanno cominciato il 2022 con un record perdente, apparentemente intrappolati in una stagione di transizione e con le due star Tatum e Brown che radio mercato voleva prossime alla separazione. Non solo non è successo, ma Boston si è trasformata: è diventata la miglior difesa Nba, la miglior squadra a Est da gennaio in poi, capace nei playoff di superare Brooklyn, Milwaukee e ora Miami. Ime Udoka, cresciuto all’ombra di Gregg Popovich e al primo anno da head coach, ha toccato le corde giuste. E Boston è sbocciata. “Odio che a volte scegliamo la strada più dura per fare le cose, ma ce l’abbiamo fatta” racconta Brown. Lui, Tatum e Smart insieme hanno prodotto 74 punti quasi equamente spartiti, hanno fatto la differenza in attacco, hanno dato a Boston quello di cui aveva bisogno. Come Al Horford, determinante ben oltre i 14 rimbalzi a referto con la sua leadership e il suo esempio. I Celtics hanno battuto Miami di squadra, con la forza del gruppo hanno superato quella che stava diventando una maledizione. “Celebriamo questo traguardo, perché dobbiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto. Ma non ci basta” dice Tatum. È un messaggio chiaro: questo gruppo che a gennaio sembrava da buttare ha spezzato la maledizione Finals. E non si accontenta.

SCONFITTI—   Miami cade dopo aver dato battaglia. Cade convinta che ci è mancato poco, quel tiro di Butler respinto dal ferro con 16” sul cronometro. “Jimmy è una superstar” dice Adebayo, con Lowry l’unico ad aver dato una mano in attacco all’mvp degli Heat, uno dei motivi, assieme alle troppe amnesie difensive e al disastroso avvio, per cui Miami ha perso questa gara-7. “Non ho giocato abbastanza bene, non ho fatto il mio lavoro e abbiamo perso - dice Butler -. Da questa serie ho imparato che non posso avere partite negative, ma che avevamo abbastanza per vincere. E che miglioreremo”. Sì, Miami aveva abbastanza per vincere. Gli infortuni sono l’alibi che in casa Heat nessuno cerca (vale per Butler e per Lowry, per Herro e per Tucker), ma sono comunque un alibi. La squadra di Spoelstra aveva fatto l’impresa a Boston in gara-6 con triple e forza di volontà: la seconda l’ha avuta anche nella bella, ma il tiro da fuori (6/30) è mancato. È una delle ragioni della sconfitta, uno dei motivi per cui la squadra che ha chiuso la regular season col record migliore della conference guarderà le Finals in tv.

LA PARTITA—   L’inizio di Boston è prepotente (32-17 alla prima sirena), ma Butler diventa inarrestabile nel secondo quarto (18 punti) e Miami all’intervallo è sotto 55-49. Gli Heat accorciano ulteriormente in avvio di ripresa, ma ogni volta che sono vicini anziché completare la rimonta commettono errori in quello che diventa il leitmotiv della ripresa. I Celtics allungano di nuovo nel quarto periodo, cominciato avanti 82-75, hanno la partita in mano quando Smart dalla lunetta fa 98-85 a 3’35” dalla fine. Miami però ha ancora voglia di lottare e con una tripla di Strus arriva sul 98-96 con un parziale aperto di 11-0. Butler scatta in contropiede, ma con 16” sul cronometro anziché la penetrazione del pareggio sceglie la tripla del sorpasso: il ferro dice no, Smart nel possesso successivo chiude i conti. E manda Boston al suo appuntamento con la storia.

Miami:Butler 35 (12/20 da due, 1/4 da tre, 8/11 tiri liberi), Adebayo 25, Lowry 15. Rimbalzi: Adebayo 11. Assist: Adebayo 4.

Boston:Tatum 26 (5/14, 4/7, 4/5 tl), Brown 24, Smart 24. Rimbalzi: Horford 14. Assist: Tatum 6, Brown 6.

 

Post in evidenza

DOMANI PARTE WIMBLEDON

SENZA RUSSI, BIELORUSSI E PUNTI ATP Sei italiani e tanti campioni. Così si apre l’anomala edizione 2022 di Wimbledon, che prenderà ufficialm...