lunedì 3 ottobre 2022

COME CALMARE L’ANSIA CON UN CUBETTO DI GHIACCIO

ECCO QUELLO CHE SI PUÒ FARE

di Eugenio Spagnuolo (fonte Gazzetta dello sport)

Il ghiaccio può calmare l’ansia? L’idea ha preso forma su TikTok dove, tra una challenge musicale e l’altra, c’è chi prova ad accalappiare follower con i life hack: trucchetti facili e prodigiosi per migliorare la nostra vita. Va da sé che 9 volte su 10 l’effetto non è quello sperato. E i medici invitano a fare molta attenzione ai trucchi che hanno a che fare con la salute. Ma l’idea di usare il ghiaccio come rimedio contro l’ansia ha una fonte... autorevole. 

GHIACCIO CONTRO L’ANSIA: COME FUNZIONA—  Julie Smith, psicologa con più di 4 milioni di follower su TikTok, è un’autorità in fatto di life hack psicologici. E in un video diventato in breve tempo virale suggerisce 5 trucchi per calmare l'ansia usando solo un cubetto di ghiaccio. Eccoli:

Tenete il ghiaccio tra le mani: concentratevi sulla temperatura e sulla consistenza. 

Muovete il ghiaccio lungo le braccia: fate caso alle sensazioni che provate. 

Mettete il cubetto di ghiaccio in bocca - spingetelo fino al palato. 

Strofinate il ghiaccio sul viso - per ridurre la temperatura e abbassare la frequenza cardiaca 

Lavatevi il viso con acqua ghiacciata, soprattutto quando siete sopraffatti dalle emozioni.

GHIACCIO CONTRO L’ANSIA: FUNZIONA?—  “Nonostante sembri un po' estremo e poco piacevole, esiste una ricerca che suggerisce che l'uso di cubetti di ghiaccio per l'ansia e gli attacchi di panico funziona davvero, sebbene siano necessari ulteriori approfondimenti” scrive il quotidiano inglese The Express, citando uno studio del 2018 secondo cui i cubetti di ghiaccio agiscono da "distrazione attiva" per la nostra mente, e si rivelerebbero utili anche durante un attacco di panico. Secondo Susan Albers, psicologa della Cleveland Clinic, il contatto con un cubetto di ghiaccio durante un attacco di ansia ha la capacità di modificare le nostre sensazioni fisiche, riportandoci a una maggiore consapevolezza del momento presente. Il ghiaccio innesca una reazione attraverso il corpo che funziona “come una scossa al sistema nervoso per allontanarlo dalla risposta al panico e rilasciare sostanze chimiche nel corpo che contrastano l’attacco, rallentando il rilascio di cortisolo e adrenalina”. Non solo. Il contatto col ghiaccio produce un cambiamento di temperatura che costringe mente e corpo a concentrarsi su quello piuttosto che sul panico. "Invece dei neurotrasmettitori indotti dal panico, vengono stimolati i recettori del dolore e talvolta vengono rilasciate le endorfine che ci aiutano a far fronte al dolore", precisa la dottoressa Albers.

L’ANSIA NON VA SOTTOVALUTATA—   Il ricorso al ghiaccio come calmante non è l’unico trucco suggerito. Anche altri metodi come mordere un limone o annusare della menta piperita sembrerebbero aiutare a riportare la mente al presente, liberandola dai pensieri negativi. Ma si tratta pur sempre di palliativi: l’ansia è un disturbo dell’umore che non va sottovalutato e richiede trattamenti specifici. Il ghiaccio non è una soluzione a lungo termine: “Le persone devono avere le giuste aspettative: non è un toccasana. Ma solo un modo per ricalibrare”, spiega un’altra psicologa intervistata da The Express. “Il ghiaccio è un piccolo strumento che fa parte di una modalità di trattamento più ampia, la terapia cognitivo comportamentale basata sulla consapevolezza. Ma non va considerato come un trattamento per l'ansia preso da solo”.


 

Post in evidenza

L’ATP MULTA WIMBLEDON

950.000 EURO PER AVER ESCLUSO GLI ATLETI RUSSI E BIELORUSSI! GIUSTO COSÌ  L'Associazione ha inoltre minacciato gli inglesi di esclusione...