martedì 25 giugno 2024

TERMINE DEL VINCOLO SPORTIVO: C’È LA PROROGA

IL MONDO DELLO SPORT APPLAUDE 

(fonte Gazzetta dello Sport)

Termine del vincolo sportivo, la proroga c'è. Il Consiglio dei ministri odierno, su proposta del ministro per lo sport e i giovani, Andrea Abodi, ha approvato un provvedimento che allunga di un anno, quindi fino al 30 giugno 2025, il termine del vincolo sportivo per i tesseramenti sottoscritti prima dell'entrata in vigore della riforma, ovvero del 1° luglio 2023. 

"Preso atto dell'impatto di prima applicazione della norma, si è resa necessaria la proroga per garantire una graduale, ma definitiva, entrata in vigore della nuova disciplina, tesa a bilanciare gli interessi degli atleti con quelli delle associazioni e società sportive, dilettantistiche e professionistiche - si legge nella nota del ministro Abodi -. A partire dalla prossima settimana, il Ministro inviterà le parti interessate a una serie di audizioni con il gruppo di lavoro tecnico presso i propri uffici, per affrontare e risolvere strutturalmente le problematiche relative al tema riscontrate in questi mesi, nell'ambito di un quadro complessivo che comprende anche l'apprendistato sportivo e i premi di formazione".

Il vincolo sportivo è l'obbligo di prestare un'attività sportiva che l'atleta assume al momento del tesseramento e che lo lega a una determinata società per una durata prestabilita dalla Federazione a cui è affiliato. Ora la riforma prevede per loro una durata annuale con rinnovo automatico e con diritto di recesso per l'atleta attivabile in qualsiasi momento, temperato da un Premio di Formazione Tecnica per la società.

GRAVINA, CASINI E BALATA—  La notizia è stata apprezzata dalle principali componenti del nostro calcio: "La tutela dei vivai è una delle priorità della Figc perché rappresentano un asset fondamentale per lo sviluppo dell'intero movimento calcistico italiano - il commento del presidente della Figc Gabriele Gravina -. Un provvedimento fondamentale che consente alle società che credono nei settori giovanili il tempo necessario per riorganizzare il proprio lavoro in ottica di valorizzazione dei giovani". Apprezzamenti anche dal presidente della Lega Serie A, Lorenzo Casini: "Siamo soddisfatti e sollevati che siano state accolte le nostre richieste, anche in audizione in Parlamento, finalizzate a tutelare un bacino strategico per il nostro movimento quale è quello rappresentato dai giovani c.d. di serie e dai vivai della Serie A. Sarà ora importante usare questi dodici mesi per trovare le migliori soluzioni possibili per regolare le diverse esigenze del mondo del professionismo e di quello dei dilettanti". Non da meno il n.1 della Lega di B Mauro Balata: "Desidero ringraziare il ministro Abodi per la sua visione e lungimiranza nel difendere il patrimonio dei talenti presenti nei settori giovanili dei nostri club, che in questo modo potranno continuare a investire sui campioni del futuro. Molte sono state le interlocuzioni con il ministro in questi ultimi tempi sul tema e la notizia di oggi ci rende felici, anche perché in questo modo viene assicurata continuità sul principale obiettivo della Lega B, quello cioè della valorizzazione dei giovani da lanciare nel sistema calcio Italia. La speranza è che l’apertura di una riflessione sul tema, annunciata dal ministro Abodi, sia decisiva per affrontare e risolvere strutturalmente le problematiche riscontrate".

 

Post in evidenza

“RICOMINCIO DA TAAAC”

RITORNA AL CINEMA IL MILANESE IMBRUTTITO  " Ricomincio da Taaac ", l'atteso secondo film de " Il Milanese Imbruttito &quo...